Una versione molto italiana del balletto La Bella Addormentata sarà in scena al Teatro Brancaccio di Roma il 22 e 23 novembre con le coreografie di Fredy Franzutti e le scene di Francesco Palma.
Nei panni di Aurora, Vittoria Pellegrino/Nuria Salado Fustè affiancate da Alexander Yakovlev/ Francesco Cafforio(l’antropologo Ernesto), Alessandro De Ceglia e Federica Resta (il padre e la madre di Aurora), Chiara Mazzola (la zingarella Lilla), Martina Bezzi e Nicola Lazzaro (uccellini blue).

Giambattista Basile, nella raccolta “Lo cunto de li cunti”, narra di una principessa addormentata per un incantesimo nel meridione dell’Italia. Al racconto di Basile, Perrault si ispirò per la sua versione edulcorata e borghese di La bella addormentata. Da qui l’idea di Franzutti di riportare nel sud del nostro paese le disavventure della bella principessa Aurora che soccomberà non dopo essersi punta con un fuso, ma per il morso di una tarantola salentina.

Nella edizione di Franzutti vedremo dunque una fresca ragazza mediterranea a cui una vecchia maga predice un atroce destino. Sarà la magia della zingarella Lilla e il bacio d’amore di un principe-antropologo a destare la fanciulla dal suo sonno centenario.
“Per la leggibilità della drammaturgia, per l’efficacia dell’ambientazione e per la viva caratterizzazione dei personaggi, lo spettacolo ha raccolto, sin dalle prime rappresentazioni del 2000, la piena adesione di pubblico e critica – spiega l’autore-. Gli assieme dei danzatori nella brillante realizzazione delle scene più festose e l’accurata esecuzione dei protagonisti hanno contribuito al successo dello spettacolo”.